I Nostri Partner

DOMSPAIN S.L.U., Spagna

DomSpain (DS Formacio) è una società di formazione e consulenza attiva a livello nazionale e internazionale. Offre una varietà di servizi al settore pubblico e privato della Spagna e partecipa attivamente a progetti internazionali.

Il dipartimento Formazione di DomSpain sviluppa programmi educativi in ​​quattro direzioni principali:

  • Corsi per studenti adulti, comprese lingue straniere, ITC, cucina, danza e corsi di crescita personale
  • Formazione professionale: ICT, lingue straniere, reinserimento lavorativo, apprendimento basato sul lavoro
  • Corsi di formazione per educatori: miglioramento delle competenze in lingua straniera, uso di strumenti digitali e nuovi metodi di insegnamento
  • Attività extrascolastiche per bambini in età scolare e genitori, comprese lingue straniere, programmazione e sicurezza nell’uso di Internet

L’azienda offre lezioni sia faccia a faccia che online.

I corsi e la formazione si svolgono nelle nostre sedi, in 6 centri comunitari e 5 scuole della provincia di Tarragona. Impieghiamo più di 40 educatori e contiamo su circa 1400 studenti ogni anno accademico.

DomSpain dispone di un team IT altamente qualificato che ha implementato vari progetti nazionali e internazionali che coinvolgono lo sviluppo di piattaforme educative.

Si concentra inoltre sul rafforzamento della capacità delle piccole imprese e organizzazioni, nonché sul lavoro sociale, coinvolgendo nelle sue attività tutti i membri della comunità, compresi i datori di lavoro e i funzionari governativi a tutti i livelli.

DESINCOOP, Portogallo

DESINCOOP è una cooperativa di servizi fondata nel 2005.

La sua missione è fornire servizi nei settori economico e sociale, creare iniziative educative e culturali attraverso soluzioni innovative che incontrino i bisogni delle persone a rischio di esclusione sociale a causa della loro etnia di origine, età, sesso e / o disabilità e territorio di provenienza.

Le principali attività sono studio, consulenza, formazione, elaborazione di progetti, supporto per la creazione e il funzionamento di servizi di vicinanza e supporto e altri servizi cooperativi, interventi sociali e culturali nella comunità. Il lavoro della cooperativa è basato sui due pilastri della visione strategica di Desincoop: la difesa dell’essere umano e i suoi diritti e lo sviluppo sostenibile.

LES APPRIMEURS, Francia

Fondata nel 2013, Les Apprimeurs è una società privata specializzata nella creazione di soluzioni digitali personalizzate per i settori dell’istruzione, della cultura e della formazione. Lavoriamo per promuovere le competenze di base e trasversali e l’accesso alla conoscenza per tutti attraverso una serie di attività:

  • Progettazione e sviluppo di pubblicazioni digitali arricchite per i settori giovanile, scolastico e universitario e per i settori culturale e del patrimonio. Lavoriamo sia come editori dei nostri libri sia come fornitori di servizi per istituzioni e case editrici.
  • Sviluppo di progetti digitali ed educativi volti a fornire soluzioni innovative di lettura, apprendimento e creatività, con particolare attenzione agli strumenti e ai contenuti digitali accessibili. Siamo coinvolti in diversi progetti europei come coordinatori e partner.
  • Implementazione di workshop sulle nuove tecnologie di pubblicazione per incoraggiarne l’appropriazione da parte di un pubblico con accesso scarso o nullo: workshop sul codice, workshop sulla scrittura di libri digitali, ecc.
  • Formazione in gestione di progetti digitali e produzione di libri digitali per professionisti e studenti sia nelle università che nelle scuole.

ATFCT, Romania

ATFCT forma e supervisiona professionisti che lavorano nel campo della psicologia, pedagogia, medicina, assistenza sociale, istruzione.

Offre assistenza psicologica, psicoterapeutica ed educativa a persone bisognose (individui e gruppi), nonché competenze nei settori sopra menzionati.

Gli esperti di ATFCT tengono sessioni di formazione, workshop, conferenze e seminari su vari argomenti correlati alla psicologia, sia per i professionisti che per il pubblico.

Gli interventi specialistici eseguiti dai nostri esperti – psicologi, psicoterapeuti, pedagoghi e formatori – sono pensati su misura per le difficoltà individuali, familiari e di coppia, nonché per interventi sistemici in situazioni di conflitto.

ATFCT è attivo in diversi progetti finanziati europei come coordinatore o partner.

Slovenian Third Age University, Slovenia

L’Università slovena della terza età (Slovenska univerza za tretje življenjsko obdobje) è un’organizzazione ombrello e una rete nazionale che consente agli anziani di sperimentare la crescita personale, avviare una nuova carriera e rimanere inclusi nella società. Dal 1984, l’Università slovena della terza età è cresciuta fino a diventare una rete di attualmente 55 università in tutta la Slovenia con più di 21000 studenti, 1000 mentori e 1000 volontari. Nel 1984, ha iniziato a costruire un’istruzione e un’arte socialmente impegnata che portano a un migliore sviluppo locale e pratiche sociali innovative che migliorano la vita personale e comunitaria delle persone.

I principali campi di attività dell’U3A sloveno sono: istruzione per diversi gruppi di anziani, formazione di esperti nel campo dell’educazione degli adulti, geragogia e gerontologia sociale, nonché volontariato nella cultura. Comprende un centro di risorse specializzato nell’educazione degli anziani e altre questioni riguardanti le persone anziane. È specializzato nella ricerca e nello sviluppo di programmi educativi su misura per gli anziani, campagne pubbliche, corsi di formazione internazionali, ecc. Dispone di un proprio Istituto di dislessia incentrato sui vantaggi di specifiche difficoltà di apprendimento nei bambini, negli adulti e negli anziani.

Finora è stata impegnata in più di 30 progetti dell’UE, nazionali e di altro tipo, tutti nel campo dell’educazione degli anziani, dell’apprendimento intergenerazionale, della comunità locale e delle altre aree di ricerca o interventi andragogici, dislessia, educazione online, ecc. E’ membro di organizzazioni internazionali ESREA, EURAG e co-fondatore di DANET, ecc.

Secondo lo visione dell’U3A, l’istruzione in età avanzata è un modo per prevenire l’esclusione sociale, un modo per vivere dignitosamente e contribuire alla vita in età avanzata. È anche un modo per raggiungere una maggiore equità sociale a livello distributivo, culturale e simbolico (stereotipi, pregiudizi, discriminazione). Consente alle persone anziane di essere attive, viste e ascoltate.

Associazione N.E.T., Italia

L’Associazione N.E.T. è un’associazione no profit fondata nel 2001 da esperti del settore della formazione e dell’educazione. L’associazione si rivolge prima di tutto a persone svantaggiate come donne, disoccupati di lungo termine, anziani, disabili e genitori single per sostenerli dal punto di vista sociale, formativo e dal punto di vista occupazionale. L’associazione è molto attiva a livello locale e regionale collaborando con enti e istituzioni pubbliche come Regioni, Comuni, ASL, Università, Camere di Commercio ma non solo. Associazione N.E.T. è molto attiva nel terzo settore per sviluppare attività auto-sostenibili ed eque e per sviluppare un’economia sostenibile attraverso il microcredito, collaborando con cooperative e associazioni del settore privato che in Italia sostituiscono il settore pubblico in molte situazioni.

Associazione N.E.T. mira a contribuire allo sviluppo locale e regionale organizzando attività e sviluppando progetti e programmi comunitari sostenibili. Recentemente l’Associazione sta cercando di andare verso attività di tipo equo e sostenibile sviluppando iniziative innovative e sostenendo nuove idee. I nuovi obiettivi riguardano:

  • Equo spirito imprenditoriale
  • Ambiente
  • Agricoltura biologica / biodinamica
  • Cucina e alimentazione sana
  • Turismo sostenibile

Associazione N.E.T. appartiene a 2 importanti reti, una a livello europeo e la seconda a livello nazionale:

  1. I care network – la più ampia rete di associazioni e organizzazioni di beneficenza in Italia. Membro dal 2015
  2. MAG (Mutual Organization for Self Management) che sostiene a livello nazionale Associazioni, cooperative e organizzazioni appartenenti al terzo settore che lavorano soprattutto con Fair Finance e microcredito. Membro dal 2001

WISAMAR, Germania

Wisamar è un unte per l’istruzione accreditato e senza scopo di lucro fondato nel 2005. Con un team motivato di 12 persone, lavoriamo in diverse aree di ulteriore istruzione e formazione, tra cui corsi di integrazione e lingua, gestione dei progetti e mobilità dell’UE.

Possiamo guardare indietro a più di 500 programmi di mobilità condotti con successo e oltre 50 progetti volti allo sviluppo o al trasferimento di innovazioni e siamo felici di condividere la nostra esperienza, ad esempio come sportello di informazioni sulla mobilità regionale per l’Agenzia nazionale tedesca.

Gerda Taro
1910 - 1937

Pioneer of war photography
Gerda Taro, nee Gerta Pohorylle, was born in Stuttgart and educated in Leipzig, Germany. As she is from a Jewish family, she flees from the Nazis to Paris in 1933. There she lives a bohemian lifestyle with her friend Ruth Cerf and eventually meets Endre Ernő Friedmann, better known today as Robert Capa. Together, they start documenting the Spanish Civil War in 1935, after Gerda had invented their alter egos in order to better sell Endre's and her own pictures. Inspired by their own political convictions, they only take pictures of the the fight of the republican troops against the rebellious franquist troops. Both of them try to be as close to the action as possible - a goal which eventually led to Gerda's death. Despite the fact that her pictures only cover 1 year of the war, her pictures are those that went around the world. Together with Robert Capa and with David Seymour, she developed modern war photography as we know it today during this short period of time. Since she officially was Capa's agent and he sold many of her pictures as his own, it took until the 2000s until people began to recognize her as an artist in her own right rather than only his partner: In 2007, the so-called Mexican Suitcase was found in Mexico City, a suitcase containing thousands of negatives believed lost by Capa, Taro and Seymour. Since then, many photographs originally attributed to Capa are known to have been taken by Gerda. However, during her short life, Taro was well known and when she was killed in 1937 by a tank, - she was only 26 - thousands of people attended her funeral in Paris. The funeral procession, led by Pablo Neruda and Louis Aragon, became a demonstration against fascism.

Marie-Claire Chevalier
1955 - 2022

The one whose trial for illegal abortion changed the law against abortion in France
In 1971, Marie-Claire Chevalier was 16 years old when she became pregnant after being raped by a boy two years older than her in high school. The young woman asked her mother to help her have an abortion. The mother turned to an underground doctor, but her daughter suffered a hemorrhage that forced her to the hospital. Her rapist, arrested for stealing a car, decides to turn her in against his own freedom. She is directly accused, as are four other women, including her mother, because in 1971 the voluntary termination of a pregnancy was illegal in France and punishable by six months to two years in prison. She was then convicted at the Bobigny trial and all were defended by lawyer Gisèle Halimi. Gisèle Halimi made of this trial and of Marie-Claire Chevalier a political symbol for the right to abortion. The case will forever mark French history and symbolize real progress for women's rights. Extremely mediatized, the trial closely followed by many personalities ends on a brilliant victory. Three years later this judgement, things started to move. This event contributed to the adoption of the Veil law and the legalization of abortion in France in 1975.

Having suffered greatly from this trial, she attempted suicide. Then, she chose to return to anonymity by changing her name. At her death, she received tributes from the President of the Republic, Emmanuel Macron and feminist associations.

Maria Lejárraga
1874 – 1974

She was writing and her husband harvesting the glory, fame and money!
Writer, feminist, deputy, polyglot and socialist who opposed to the death penalty and legal prostitution. She advocated for education, work and equal rights for women in Spain. A very open-minded and visionary woman who had to pay a high price imposed by her gender.

María Lejárraga comes from the region of La Rioja from an economically stable middle class family. She was able to receive good education and became a teacher. During her teaching career she discovered her passion for writing. She was very talented and ready to share her ideas and stories with the world. But, that´s where she bumped into a big obstacle. At the beginning of the XX century being a female writer was seen as immoral work, especially for an educator. If she had risked meeting her goals, she could have lost her teaching job. She found a solution to this problem in her marriage by publishing her works under her husband's name. So, she was writing and waiting at home and he was the one receiving praise and applause at the premiers of the plays. Before dying, her husband confirmed the rumours circulating in theatre circles that she was the true author of his works.
continue reading

Maria Lejárraga
1874 – 1974

She was writing and her husband harvesting the glory, fame and money!
Writer, feminist, deputy, polyglot and socialist who opposed to the death penalty and legal prostitution. She advocated for education, work and equal rights for women in Spain. A very open-minded and visionary woman who had to pay a high price imposed by her gender.

María Lejárraga comes from the region of La Rioja from an economically stable middle class family. She was able to receive good education and became a teacher. During her teaching career she discovered her passion for writing. She was very talented and ready to share her ideas and stories with the world. But, that´s where she bumped into a big obstacle. At the beginning of the XX century being a female writer was seen as immoral work, especially for an educator. If she had risked meeting her goals, she could have lost her teaching job. She found a solution to this problem in her marriage by publishing her works under her husband's name. So, she was writing and waiting at home and he was the one receiving praise and applause at the premiers of the plays. Before dying, her husband confirmed the rumours circulating in theatre circles that she was the true author of his works.
continue reading

Maria Lejárraga
1874 – 1974

She was writing and her husband harvesting the glory, fame and money!
Writer, feminist, deputy, polyglot and socialist who opposed to the death penalty and legal prostitution. She advocated for education, work and equal rights for women in Spain. A very open-minded and visionary woman who had to pay a high price imposed by her gender.

María Lejárraga comes from the region of La Rioja from an economically stable middle class family. She was able to receive good education and became a teacher. During her teaching career she discovered her passion for writing. She was very...
continue reading